Pubblicato da: Patrizia Barzaghi | 21 dicembre 2021

Un filo tra le scuole: Politeama di Varedo(MB) 11 Dicembre 2021

Come promesso: musica, condivisione e serenità!
Ci rivediamo il prossimo anno!

 

Patrizia Borromeo e Il Cerchio delle Fate a Varedo (MB)

Ogni istante è prezioso : attimi di “trascurabile” felicità….

Panettone….

 

… e vin brulé!

..

Ancora distanti, ma ugualmente vicini

..

Scuola di musica Politeama di Varedo (MB)

..

i nostri compagni di ogni viaggio

 

..

A presto!

Pubblicato da: Patrizia Barzaghi | 21 dicembre 2021

Un filo tra le scuole: Pontirolo Nuovo (BG) 8 Dicembre 2021

 8 Dicembre 2021

A ricordo di questo bel pomeriggio, qualche immagine e le vostre parole.

A presto

Il Cerchio delle fate … in duo!
Pontirolo Nuovo (BG) 8 Dicembre 2021

 

“Grazie per questo momento intenso.
La passione che ci mettete dice tutto. Complimenti. Grazie di vero cuore.”
Angela

8 dicembre 2021 : Fairy Christmas!

e come previsto: la neve!

Pubblicato da: Patrizia Barzaghi | 6 dicembre 2021

Un filo tra le scuole, Politeama di Varedo(MB) 11 Dicembre 2021

Il filo che unisce

….E dopo il pomeriggio con la scuola di musica di Pontirolo Nuovo

saremo a Varedo presso la scuola di musica Politeama.

Vi aspettiamo  sabato 11 Dicembre dalle ore 16.30

per uno scambio di AUGURI tra Musica, Arte e Creatività.

Dalle ore 16:30-18:00 : Laboratorio artistico manuale “Natalizio “

per bambini e bambine dai 5 agli 11 anni all’interno della sede.

 

Dalle ore 18:30 BRINDISI IN MUSICA :

scambio di auguri con dolci e golosità all’aperto

accompagnato dalla musica delle nostre arpe.

Potrete entrare -a piccoli gruppi- ad ascoltare alcun brani

e ritirare una piccola sorpresa che stiamo preparando per ognuno di voi!

Passate a salutarci?

 

 

Pubblicato da: Patrizia Barzaghi | 3 dicembre 2021

Un filo tra le scuole, Pontirolo Nuovo (BG) 8 Dicembre 2021

Il filo che unisce

La nostra attività ci ha portato spesso in luoghi più disparati, dalle sale da concerto alle grandi chiese del centro di Milano, alle piccole pievi medievali….da Castelli a parchi, da case di riposo a scuole.

Proprio questo ultimo luogo, la scuola nelle forme più svariate, ci è particolarmente caro.

Abbiamo suonato diverse volte nella scuola di musica che ha permesso la nostra attività (Politeama); abbiamo partecipato ad incontri e lezioni di musica nelle scuole elementari (Renate, Camparada, Desio…) ; siamo stati ospiti della nascente scuola di musica nel Monferrato (Accademia Monferrato)

Ed ora ci accingiamo a partecipare ad un evento

della scuola di musica di Pontirolo Nuovo!

Vi aspettiamo mercoledì 8 Dicembre dalle ore 16.30

Il programma della giornata organizzata dalla Proloco

 

16.30 ESIBIZIONE MUSICALE DELLA SCUOLA DI MUSICA
17.30 CONCERTO D’ARPE in CHIESA

Come raggiungerci :
La scuola di musica si trova in 
via San Michele, 1 – 24040  Pontirolo Nuovo (BG)
Pontirolo Nuovo è a circa 50 km da Milano :
Autostrada A4 – uscita Capriate

 

 

 

 

 

…. e non perdete il filo perchè la storia continua!

Pubblicato da: Patrizia Barzaghi | 26 ottobre 2021

Arpe e cuscini al Politeama, Varedo (MB) 23 Ottobre 2021

Do re mi…rilasso

Ensemble di arpe celtiche a Varedo (MB) – 23 ottobre 2021

Arpe & Cuscini” si conferma una vera coccola musicale che ci coinvolge tutti, esecutori e pubblico, e ci porta lontano: musiche scelte ad hoc per la serata tra i brani del nostro repertorio, e piccoli strumenti quali le campane tibetane, i carillon Koshi, e le sansule, per completare con delicatezza gli spazi tra un brano e l’altro.
Rilassamento assicurato!

 

L’occasione – per chi aveva acquistato e regalato il nostro Harp music Coupon – di rendere attivo il proprio dono, dopo oltre un anno di pausa!

Arpe & Cuscini” ritorna, con le molte accortezze a cui tutti ci siamo abituati, causa l’emergenza ancora in atto, e promette di tornare nei prossimi mesi per offrire ancora momenti di musica e profonda serenità.

 

…dal nostro quaderno delle dediche

E il giorno dopo, nel parco della Brughiera, poco distante da Varedo, tanti bellissimi Cerchi delle Fate accanto agli alberi: la prova scientifica che sabato notte le fate hanno danzato!

^_^

 

 

 

Grazie a quanti sono intervenuti e vi aspettiamo al prossimo appuntamento!

Pubblicato da: Patrizia Barzaghi | 13 ottobre 2021

Arpe e cuscini – Varedo (MB) 23 Ottobre 2021

Tornano gli appuntamenti della rassegna “La musica che coccola” organizzata dall’Associazione Centro Studi Politeama di Varedo:

ARPE&CUSCINI
Do re mi…rilasso: un modo diverso di ascoltare il suono delle arpe.

Arpe e cuscini è un momento musicale da vivere insieme,

seduti o sdraiati, immersi in un’atmosfera sognante

creata dal suono delle arpe.

La luce delle candele

aggiungerà un tocco di calore e di intimità alla serata.

Potrai chiudere gli occhi e lasciarti avvolgere,

cullare, coccolare e portare per mano dalla musica.

Sarà utile portare un cuscino e un tappetino per essere più comodo.

 

Sabato 23 ottobre 2021
ore 20:15
via Madonnina 54, Varedo (MB)
Costo dell’evento : 15 euro
Posti limitati :  E’ necessaria la prenotazione
info@ilcerchiodellefate.eu

N.B. = Anche chi aveva acquistato Harp Coupon dovrebbe gentilmente confermare/prenotare la data: in questo modo potremo tenere il posto per voi!

 

Vi aspettiamo…

Pubblicato da: Patrizia Barzaghi | 26 settembre 2021

Serata Dantesca – Varedo(MB) sabato 25 settembre 2021

Sabato sera il Comune di Varedo, nell’ambito della XIX edizione di Ville Aperte in Brianza, ha organizzato nel parco di Villa Bagatti un evento ricco e articolato, coinvolgendo varie realtà del contesto culturale di Varedo: la storica e consolidata Scuola di Musica Politeama, la Biblioteca di Varedo, l’Associazione Arte e Musica, e figure significative come il dottor Enrico Planca e la prof.ssa Paola Senucci che ci hanno introdotto alla profonda bellezza dei versi della Divina Commedia.


Ottimo il coordinamento dei vari interventi: le letture, il commento, la premiazione dei partecipanti al concorso “Se fossi Dante”, la proiezione delle immagini, la musica d’arpa
Ma…

“poco dopo il principio del cammin di tal serata

la pioggia ci sorprese e ci disperse

ché l’asciutto prato era bagnato”

Fuggi fuggi generale, ci siamo trasferiti all’interno di Villa Bagatti, nella Sala delle Carrozze, come già previsto in caso di maltempo e abbiamo ripreso da dove eravamo stati interrotti.
Musica, parole, poesia fino a tarda sera…

Ringraziamo Maria Pia Bocchini del comune di Varedo che ha coordinato ogni aspetto della serata, anche nell’emergenza della pioggia improvvisa!
Ringraziamo quanti si sono prodigati per la buona riuscita di questo evento.

Un grazie speciale a Laura Crippa della Scuola di Musica Politeama, presenza discreta e preziosa, una vera spalla su cui contare sempre!

 

A tutti voi che ci seguite: un caro abbraccio e …a presto!

Patrizia Borromeo e Il Cerchio delle Fate a Villa Bagatti – Varedo (MB)
25 Settembre 2021

 

Pubblicato da: Patrizia Barzaghi | 19 settembre 2021

Serata Dantesca a Varedo(MB) 25 settembre 2021

Serata dedicata al Sommo Poeta, letture, musica e curiosità:

il nostro Ensemble di Arpe Celtiche,

in rappresentanza della Scuola di Musica Politeama di Varedo (MB),

sarà colonna sonora per dare voce alle emozioni

suscitate dalla poesia.

L’evento è organizzato dal Comune di Varedo

nell’ambito della XIX edizione di Ville Aperte in Brianza

con la partecipazione di :

Enrico Planca, esperto dell’opera di Dante e letture a cura di Paola Senucci .

Ore 21:00
Ingresso libero.
Prenotazione obbligatoria presso
la Biblioteca Civica: biblio@comune.varedo.mb.it
e il Servizio Cultura: cultura@comune.varedo.mb.it

 

Come raggiungerci:
La villa Bagatti Valsecchi è una villa settecentesca che si trova a Varedo, (MB), vicino al confine con la frazione di Palazzolo Milanese (del Comune di Paderno Dugnano), con la quale condivide il lungo viale che si apre alle sue spalle.
Via Vittorio Emanuele II, 48, 20814 Varedo MB.
L’intera serata si svolgerà all’aperto, davanti alla balconata centrale.
In caso di maltempo si svolgerà, all’interno, in una sala della Villa.
Pubblicato da: Patrizia Barzaghi | 5 settembre 2021

Arpe sotto le stelle a Gorla Maggiore (VA) 1 settembre 2021

ARPE SOTTO LE STELLE

Gorla: chiesa di S. Vitale,  1 settembre 2021

Appuntamento sotto le stelle, organizzato dall’ Assessorato alla cultura del Comune di Gorla Maggiore  in collaborazione con la Parrocchia: alle spalle del pubblico gli alberi del bosco, alti e solenni, creature sacre da millenni perchè rappresentano il legame fra la terra e il cielo.
Il canto dei grilli ha accompagnato la nostra musica e occasionalmente qualche aereo, quasi a ricordarci che … no, non eravamo al tempo in cui antichi popoli raccontavano storie di miti e leggende legate alle stelle e alla luna…
Ma queste storie sono state il filo conduttore della serata e, unite all’ambiente suggestivo della chiesetta medievale, hanno creato il contesto perfetto per la nostra musica.

Ensemble di arpe celtiche e voci a Gorla (VA) – 1 settembre 2021

Presenti per tutta la serata il sindaco Pietro Zappamiglio e il Parroco don Valentino Viganò; un grazie particolare a Rosanna Colombo e all’assessore alla cultura Antonella Scolfaro che ci hanno accolto e aiutato fin dal nostro arrivo sul sagrato e hanno contribuito all’ottima riuscita di questa bella iniziativa.

Patrizia Borromeo e Il Cerchio delle Fate – Gorla (VA) – 1 settembre 2021

Grazie a tutti e … a presto!

Pubblicato da: Patrizia Barzaghi | 25 agosto 2021

Arpiste nella vita

Arpiste nella vita

La mia maestra d’arpa mi ha insegnato molte cose;

ma soprattutto mi ha insegnato a mettere me stessa nella musica che suono

e non solo leggere, memorizzare, eseguire.

Ecco perchè, anche se non sono una musicista di professione,

mi sento un’arpista nella vita.

Ora che sto per vendere una delle mie arpe, la piccola Bardica Camac,

desidero condividere, con chi vorrà leggere, il motivo per cui l’avevo acquistata

e che cosa ho imparato da “lei”.

Un’arpa piccola, leggera e maneggevole mi ha permesso di portare la nostra musica (la musica del Cerchio delle Fate) in una RSA di Lissone per diversi anni: era un appuntamento fisso, due pomeriggi al mese.
Quando ho capito la ricchezza di quanto stavo ricevendo ho iniziato a tenere un diario: le mie emozioni, le parole degli ospiti,  e i loro silenzi nelle immagini che Vincenzo Genna ha catturato per me. Ecco alcune pagine che vi invito a leggere.

RSA Lissone – Arpa in camera

 

Quando esco mi sembra che mi siano rimasti impigliati nella pelle tutti gli sguardi che ho incontrato;
anche gli sguardi di chi non ci vede più e mi ha sorriso;  e anche di chi non è riuscito nemmeno a sorridere.

RSA Lissone – Arpa in camera

Un’ospite che mi ascoltava sempre volentieri quel pomeriggio non stava affatto bene e non poteva uscire dalla stanza; sono entrata con Noemi e ho suonato un brano.
Il letto aveva le sponde di metallo e lei sembrava sprofondata nel materasso perchè io nemmeno la vedevo.
Dopo poche note si è aggrappata con le mani alle sponde; è spuntato solo il viso, mi ha guardato, ha annuito con un breve sorriso e poi è sprofondata ancora nel materasso, ma non è scomparsa: il suo braccio magro magro puntato verso il soffitto ha continuato a tenere il tempo mentre io suonavo – e con che grinta! – e ha smesso solo quando il brano è finito ….

 

 

“e lei ringrazi di avere la possibilità di suonare l’arpa così bene”

 

RSA Lissone – Arpa in camera

 

“questo brano mi manda in brodo di giuggiole !”

 

Nel nucleo Alzheimer mi ha colpito molto un ospite che si chiama A. : di lui voglio ricordare il nome per il modo con cui me lo aveva detto : “Mi chiamavano A.”
Aveva sempre un’espressione molto pensierosa e quasi cupa, ma si mostrava molto interessato alla mia musica e regolarmente prendeva in mano il mio quaderno e lo sfogliava, come se volesse leggere ogni singolo spartito.
Una volta mentre suonavo è saltata una corda all’arpa; la volta successiva, due settimane dopo, mi ha chiesto “hai aggiustato l’arpa?” Forse non dovrei stupirmi, invece mi sono molto stupita di questo suo ricordo per il mio piccolissimo incidente.

RSA – Lissone – Arpa in camera

 

“mi sembra di essere in mezzo alla natura e di essere cullato dagli alberi … e dal vento”

Impressionante vedere le signore che possono muovere una mano sola…e per applaudire la battono sul vassoio della loro sedia a rotelle!

Al piano terra c’è un gruppo di ospiti un po’ più in gamba: di solito mi siedo proprio in mezzo a loro, in una delle loro sedie.
C’è una signora che si stupisce sempre come se fosse un onore speciale avermi accanto e mi dice “si siede qui accanto a me? Davvero? O che giorno fortunato!

Non sempre gli ospiti reagiscono nello stesso modo: a volte qualcuno protesta o fa segno che non vuole essere disturbato perchè non si sente bene. Una volta una signora ha passato tutto il tempo a dire che suonavo troppo forte e con espressione infastidita si copriva le orecchie !!

Un ospite mi ha regalato un pacco di biscotti! Un signore tranquillo, ma piuttosto in gamba che non credevo prestasse molto caso alla mia presenza e quel giorno mi ha detto: “tu vieni sempre qui per noi:  almeno una volta ti diamo qualcosa noi”.

RSA Lissone – Arpa in camera

Mi hanno chiesto se sapevo suonare qualcosa di Verdi!

Alcuni ospiti stando seduti muovono i piedi a ritmo di musica o a volte le mani e alcuni canticchiano.

 

“mi ha tirato su di morale”

“mi ha cambiato la giornata: oggi non andava tanto bene; ma adesso mi sento meglio.”

 

RSA Lissone – Arpa in camera

 

“dieci minuti di pace”

“Arpalice!”

RSA Lissone – Arpa in camera

 

“…perchè non vieni in camera mia?”

 

RSA Lissone – Arpa in camera

 

Un’ospite di 95 anni vuole sempre muovere qualche passo di danza mentre suono: si alza e tiene bene il ritmo di qualsiasi brano le venga proposto; tiene le braccia aperte, le mani abbastanza alte, quasi alle spalle! E sorride tutto il tempo. Poi termina con un piccolo inchino.

In palestra alcuni ospiti si irrigidiscono per i motivi più diversi che voi operatori conoscete, ma io no.
Le fisioterapiste mi dicono che alcuni di loro si rilassano, si distraggono, si muovono con maggiore morbidezza e si lasciano guidare quando in sottofondo ci sono le note dell’arpa.
La mia musica allora è stata usata come pretesto per il movimento: la fisioterapista dice di ascoltare l’arpa e muovere i passi lentamente e a tempo senza aver fretta di arrivare in fondo, o al contrario senza bloccarsi pensando di non poterlo fare.
A volte accennano piccoli passi di danza sulle note dell’arpa; tengo un ritmo morbido e cadenzato per accompagnarli con un tempo adeguato alle loro difficoltà.
La tenerezza che provo guardandoli ballare è immensa….

“con la tua arpa sei come un balsamo per il cuore”

“bello, bello, bello …”

Una frase che sento dire spesso quando mi alzo e me ne vado è “va già via?” oppure “ma come? ha già finito?”

“se vado in paradiso penserò a lei ogni giorno!”

Un pomeriggio sono entrata da un’ospite che era la mamma di una dottoressa; io non lo sapevo e la dottoressa era seduta accanto al letto; l’ospite mi guardava con un’espressione dolcissima e intensa; mentre stavo uscendo la dottoressa  ha detto alcune parole che ricordo così : “che rilassamento: mi veniva da piangere”.
Le parole mi hanno colpito, ma non sapendo che si trattava di madre e figlia, non le ho interpretate nel modo giusto. La volta successiva … la signora, la mamma della dottoressa, non c’era più: era venuta a mancare.
Quelle parole e quello sguardo intenso non mi lasceranno mai.

 

“ma questo è un brano medievale!”

 

“con l’immaginazione ci profumi il cuore”

RSA Lissone – Arpa in camera

 

 “Per gli ospiti la tua arpa è “come una goccia di sole” … nel loro quotidiano ….”

 

 

Older Posts »

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: